wallet criptovalute

Wallet di criptovalute, Facciamo chiarezza4 min read

Ciao Caro lettore! In questo articolo andremo a scoprire cosa sono i Wallet di Criptovalute!

I Wallet di criptovalute sono uno strumento connesso alla blockchain che ci permette di interagire con essa, spostando le criptovalute di cui siamo proprietari da un indirizzo ad un altro.

Per comprendere questo concetto, approfondiremo:

  • Da cosa è formato un wallet
  • Come funziona
  • Quali sono le diverse tipologie

Disclaimer

Prima di spiegare cosa sono I wallet di criptovalute e il loro funzionamento bisogna fare una premessa: 

Le criptovalute stanno sempre all’interno della propria blockchain. Ogni criptovaluta, o frazione della stessa, della circulating supply  (l’ammontare totale in circolazione) è associata ad un indirizzo/individuo, questo ne possiede la potestà ed è l’unico autorizzato a cederla ad altri indirizzi/individui. 

Dunque, contrariamente a quanto spesso si crede, le criptovalute non si “muovono” dunque non possono essere “spostate” all’interno della blockchain, l’unica cosa che può variare sono il numero di indirizzi esistenti e l’ammontare di criptovalute ad ognuno di essi associato. 

Gli elementi di un Wallet di criptovalute:

Gli elementi di un wallet di criptovalute sono essenzialmente 3:

  • Chiave privata
  • Indirizzo pubblico
  • Seed Phrase

Al momento della creazione di un indirizzo un wallet genera in maniera casuale collegandoli l’uno all’altro 2 elementi di cui si compongono i wallet: Chiave privata e Indirizzo pubblico. 

Chiave privata

Questa rappresenta la “password” che viene generata nell’istante in cui viene creato un wallet. Essa è una stringa alfanumerica generata casualmente dalle funzioni crittografiche che ogni specifica Blockchain utilizza.

Nel caso di Bitcoin esistono 2^256 combinazioni di chiavi private, numero inimmaginabile alla mente umana, ciò rende praticamente inviolabile un wallet.

Per definizione possedere la chiave privata sancisce la proprietà di un wallet.

Esempio Chiave privata: 

L4Bz9b1sXrPBGLgV4hfYVKrkFfTzgG3LzmJ1VMuyoYuGZQZ9CL4p

Seed Phrase

Spesso al momento della creazione di un wallet oltre alla chiave privata viene generata una “seed recovery phrase” una lista casuale di 12 o 24 parole, fornire questa lista è l’unico modo per recuperare una chiave privata.

Indirizzo pubblico

Questo può essere considerato come l’IBAN di un qualsiasi conto corrente, dunque serve per essere condiviso con gli altri utenti per far conoscere a chi associare le criptovalute. 

L’indirizzo pubblico è anch’essi una stringa alfanumerica e viene ricavato attraverso una funzione di hash applicato alla chiave privata, questo fa sì che per ogni indirizzo pubblico esista una sola chiave privata e viceversa e che da una chiave privata si può risalire ad un indirizzo pubblico ma non il contrario.

Esempio indirizzo pubblico: 

1M6RvweSj43LXagMGVb9b45Vdq9J2pZ5Lx

Tipologie Wallet

Le principali 3 tipologie di wallet sono:

  • Hot Wallet
  • Cold Wallet
  • Paper Wallet

Hot wallet

Questa categoria di wallet è di gran lunga la più diffusa in quanto essendo supportati da dispositivi connessi ad internet rende molto più “user friendly” e rapido il loro utilizzo.

All’interno di questa categoria le tipologie di wallet più comuni sono: 

  • Web Wallet

Per utilizzare un Web Wallet non è necessario scaricare o installare nulla, questi possono presentarsi come un’estensione del proprio browser oppure accedere ad una pagina web come nel caso di un exchange. 

  • Desktop Wallet 

Per utilizzare un Desktop Wallet è necessario scaricare e installare il software, una volta eseguito la creazione di un nuovo indirizzo la chiave privata verrà archiviata localmente sul proprio computer in un file rinominato “wallet.dat”.

Sarà responsabilità di ognuno di noi conservare in maniera sicura effettuando periodici backup tale file in quanto lo smarrimento o l’accesso a terzi di questo file comporta la perdita irreversibile dei fondi contenuti. 

  • Mobile Wallet 

Per utilizzare un Mobile Wallet è necessario solamente scaricare un’app sul proprio dispositivo mobile. 

Cold Wallet

Come già accennato questi sono wallet che si utilizzano da dispositivi non muniti di connessione ad internet. 

I più utilizzati sono gli Hardware wallet. 

Per poterli utilizzare è necessario acquistare la competente hardware, molto spessa questa ha un formato molto simile ad una chiavetta usb.

Viene considerato il metodo più sicuro per conservare le proprie criptovalute, a discapito però di una esperienza meno user friendly e tempi richiesti molto più elevato dunque consigliato molto più per chiunque conduca investimenti a lungo termine e meno a chi utilizza questi fondi per fare trading. 

Paper wallet

Anche se molto meno utilizzato e talvolta anche sconsigliato rientrano in questa categoria i Paper Wallet. 

Bisogna scaricare un software generatore di Paper wallet e successivamente stampare su carta chiave privata e indirizzo pubblico con i rispettivi codici QR. 

Nonostante godi di sicurezza elevata presente un grosso limite: ogni qualvolta si ha intenzione di fare un trasferimento dei propri fondi è necessario trasferire l’intero importo senza avere la possibilità di frazionarla. Questo grosso limite restringe notevolmente le dinamiche nelle quali sia conveniente utilizzarlo, probabilmente l’unico scenario in cui avrebbe senso sarebbe bigliettino regalo, utilizzarlo come un’alternativa più elegante, innovativa e probabilmente più cospicua in futuro rispetto al classico vecchio contante.  

Tag: